“Stabilire una pace duratura è un compito dell’istruzione”, così sosteneva Maria Montessori ed è per questo che i docenti, i ragazzi e le ragazze della Scuola secondaria di I grado Dante Alighieri, cogliendo l’invito del CNDDU (Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani), celebrano la Giornata internazionale della pace e della gratitudine, per favorire lo sviluppo di sentimenti di solidarietà e per ringraziare per la vita.

La Giornata internazionale della pace è stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1981, ma solo nel 2001 si è scelta all’unanimità la data del 21 settembre. L’Onu stabilì che l’obiettivo da perseguire sarebbe stato quello di invitare tutti i popoli a rispettare l’interruzione di qualsiasi ostilità durante questa giornata. Nonostante la sua vitale importanza, la Pace rimane un obiettivo difficile da raggiungere. La scuola Dante Alighieri celebra questa giornata perché sceglie di stare dalla parte della Pace. È il momento speciale in cui ognuno nel suo piccolo può “cessare le ostilità” con i familiari, con i vicini di casa, con i compagni di classe e di squadra.

La Giornata mondiale della gratitudine ha avuto, invece, inizio grazie al Meditation Group delle Nazioni Unite nel 1977 ed è stata pensata come un’opportunità per il genere umano di ringraziare per la vita, per le cose ricevute, per quello che facciamo, per gli eroi moderni, per la famiglia e per gli amici, per tutto.

Portiamo allora la Pace, raccontiamola, disegniamola, viviamola nel quotidiano e ricordiamoci sempre di ringraziare.

Grazie anche a te, che ci stai leggendo.

55dfd6aa-eab0-4beb-adfb-ea9ed9d95992